Parco Termale Negombo

Parco Termale Negombo

Un parco idrotermale adagiato nella baia di San Montano

Il Negombo è un parco idrotermale adagiato nella baia di San Montano (che è l´insenatura più suggestiva dell´Isola d´Ischia), voluto e realizzato dal duca Luigi Silvestro Camerini, umanista, viaggiatore e appassionato di botanica. Il parco è immerso in un´area verde di oltre 9 ettari. è un luogo di benessere caratterizzato da un´atmosfera serena ed amichevole e frequentato da un turismo orientato ai valori emergenti della salute e della bellezza. .

L´esperienza delle terme

L´esperienza delle terme è una via di fuoco e di potenti acque curative e rilassanti, generate da fenomeni naturali: è un luogo magico, fatto di salute e mistero, una vita sotterranea ed antica a cui il Negombo attinge da sempre per il benessere naturale. L´ambiente termale è, infatti, fin dall´antichità considerato idoneo al trattamento del corpo per le sue proprietà fisiche e chimiche. Grazie alla sua origine vulcanica l'isola d'Ischia ha un patrimonio idrotermale tra i più ricchi e interessanti del mondo, che conta 67 fumarole, 29 bacini e 103 sorgenti idrotermali. Il Negombo è stato concepito per combinare piacevolmente le straordinarie proprietà terapeutiche delle acque termali con un soggiorno divertente e salutare. Elioterapia, massaggi, aerosol, inalazioni, piscine termali dotate di getti per idromassaggi; insomma tutto per rigenerare e regalare benessere, senza dimenticare che le acque termali possono essere efficaci in numerose affezioni dell'apparato osteo-articolare. Questo parco termale è scenario di diverse manifestazioni televisive quali il "Premio Ischia Giornalismo", storico premio nel ricordo di Angelo Rizzoli che portò Ischia alla conoscenza di tutto l'ambiente agiato internazionale. Dal 1998 il parco termale Negombo ospita una scultura di Arnaldo Pomodoro chiamata "Arc-en-ciel", la lista di piante esotiche comprende piante Australiane, Giapponesi, sud Africane e Brasiliane. Ischia fornisce uno splendido habitat naturale per la crescita di queste piante.

Google Maps